Suite française

 

No, non si tratta del grande romanzo di Irène Némirovsky bensì del concerto raffinato e appassionato, tenuto sabato 12 marzo 2016 nell’ambito di Mondovì Musica, dal Duo Varnerin.
I fratelli Varnerin, Stephanie (soprano) e Mathieu (chitarra), sono due giovani musicisti francesi che nella loro rispettiva sfera artistica stanno ottenendo dei rilevanti successi professionali. Insieme, si sono specializzati nel repertorio di mélodies del primo novecento francese, di cui lo stesso Mathieu ha curato la trascrizione della parte pianistica, adattandola alla chitarra.
Nel concerto monregalese, le pagine di alcuni tra i più importanti compositori del primo Novecento francese quali Claude Debussy, Gabriel Fauré e Reynaldo Hahn erano intercalate da lieder del “maestro” del genere, Franz Schubert (1797-1828), eseguiti però in versione solo strumentale.
Questa cornice appassionata e severa a un tempo faceva risaltare ancor più nitidamente, per contrasto, la cantabilità delle frasi e la ricchezza sentimentale dei testi poetici degli autori francesi: la dimensione intima delle melodie di Fauré (1845-1924); il simbolismo musicale di Debussy (1862-1918); la facile cantabilità di Hahn (1874-1947).
L’abilità tecnica e stilistica dei due esecutori e il loro calore interpretativo hanno conquistato il pubblico e decretato il successo di una serata molto affascinante dal punto di vista musicale.

I commenti sono chiusi.