C’è tutta la musica del mare, il fremere cangiante degli alberi sotto la carezza del vento, il ritmico cadere della neve nella straordinaria voce del controtenore Franco Fagioli: la natura stessa sembra cantare attraverso di lui. La plasticità, la potenza di quella voce conturbante potrebbe riempire lo sconfinato spazio intergalattico…